Sito realizzato da Gaspare Musso per SocISS

CONTATTI

  • Grey Facebook Icon
L'EVENTO

II° Conferenza Italiana sulla Ricerca di Servizio Sociale

TRENTO |  31 MAGGIO - 1 GIUGNO 2019

La Conferenza sulla ricerca di Servizio Sociale torna con la sua seconda edizione che avrà luogo a Trento venerdì 31 maggio e sabato 1 giugno 2019.


La prima Conferenza svoltasi a Torino nel 2017 ha avuto successo in ragione dalla qualità e quantità dei contributi presentati (158 abstract, 20 poster e numerosi video) e dal numero di partecipanti (oltre 350) e ha consentito di evidenziare la grande vitalità e potenzialità del servizio sociale come professione e come disciplina scientifica.

A fronte di quella proposta nel 2017 (“gocce” preziose quali immagine del getto ancora intermittente della ricerca in Italia) la metafora utilizzata per la nuova edizione (un flusso d’acqua costante e corposo) vuole essere rappresentazione e auspicio di una ricerca solida scientificamente e capace di produrre impatti significativi sulla pratica professionale degli assistenti sociali.


Come più volte affermato da Maria Dal Pra Ponticelli, che - recentemente scomparsa - verrà ricordata nel corso dell’evento qui presentato, il sapere  che  si ricava  dalla  descrizione  e  interpretazione  della  realtà operativa  e  che  si  fonda  su  processi osservativi e induttivi si nutre  di ricerca e di pensiero critico e ha un ruolo essenziale dell’agire professionale nel servizio sociale.


La Conferenza è rivolta ad assistenti sociali, docenti, ricercatori, studiosi ed esperti di servizio sociale e vuole essere uno spazio per riflettere e fare il punto sullo stato della ricerca di servizio sociale in Italia, mediante il coinvolgimento di tutti i soggetti attivi in tale campo.


Per tale ragione, gli organizzatori rivolgono un pressante invito alla presentazione di abstract inerenti esperienze di ricerca concluse o in fase di realizzazione.

 

in memoria di Maria Dal Pra Ponticelli

1935-2018

Ci sono persone – e in questo caso anche figure simboliche – che non pensiamo mai come mortali, invece Maria Dal Pra Ponticelli se n’è andata stanotte, lasciandoci spaesati e addolorati.

Maria Dal Pra Ponticelli: un nome che, nel servizio sociale italiano, fa subito comunità perché unisce generazioni diverse di professionisti e studiosi, di studenti e docenti. Ci si sente con lei quasi in confidenza - certo una confidenza reverenziale -  tanto la si è frequentata nelle pagine dei suoi testi che sono diventati un solido riferimento, prima per navigare nelle acque ancora incerte di una disciplina che cercava il suo approdo accademico e poi per intraprendere nuove rotte.

Maria nasce nel 1935 e frequenta la Scuola ENSISS di Firenze in contemporanea all’università, dove consegue la laurea in psicopedagogia. Esercita la professione solo per un anno presso l’ISSCAL, poiché inizia ben presto la sua collaborazione con la Scuola diretta ai Fini Speciali sorta nel 1954 presso l’Università di Siena, prima monitrice e dal 1964 come docente. Dal 1984 e per circa vent’anni, è il primo e unico professore associato di servizio sociale in Italia. Un traguardo che ha notevolmente anticipato i tempi, soprattutto se si considera che oggi e dopo 34 anni i professori associati di servizio sociale, nelle università italiane, sono quattro.

Maria ha avuto – tra i tanti – un grande merito: quello di riaprire il discorso epistemologico e metodologico all’interno di uno sguardo internazionale, dopo la chiusura conseguente alla contestazione del Sessantotto che aveva, a sua volta, avuto il pregio di porre al centro la dimensione politica del servizio sociale. Ne sono testimonianza - oltre alle dispense che alcuni fra coloro che si sono formati negli anni settanta hanno avuto la fortuna di studiare – nel 1983, la curatela con Elisa Bianchi, Itale De Sandre e Erminio Gius di Servizio sociale, sociologia, psicologia. Ripresa critica di un dibattito teorico, edito dalla Fondazione Zancan e i volumi a sua cura: I modelli teorici del servizio, 1985; Metodologia del servizio sociale. Il processo di aiuto alle persone Franco Angeli, 1985; Il modello cognitivo umanistico nel servizio sociale, Astrolabio, 1988.

Il suo impegno di prestigiosa studiosa è proseguito incessantemente, acclarato da innumerevoli pubblicazioni, fra le quali si ricordano qui quelle forse meno note, come i saggi I soggetti in alcune teorie del servizio sociale. Attualità di un dibattito. In E. Bianchi, I. De Sandre (2000). Solidarietà e soggetti: servizio sociale teorie di riferimento, edito da Fondazione Zancan, pp. 51-70 e Empowerment e servizi alla persona in F. Lazzari e A. Merler (a cura di) (2003). La sociologia delle solidarietà. Scritti in onore di Giuliano Giorio, per Franco Angeli, pp. 142-148. Del 2010, l’ultima monografia pubblicata da Carocci il cui titolo Nuove prospettive per il servizio sociale è emblematico della sua capacità di cogliere gli “aspetti più significativi del cambiamento profondo che sta investendo il contesto operativo del servizio sociale per capire come vi si possa far fronte e quali strumenti concettuali e operativi possano essere più adeguati”.

 

Va ricordato che il suo autorevole contributo non riguarda solo l’attività scientifica e didattica, ma anche la partecipazione attiva, oltre a diverse Commissioni di studio ministeriali inerenti la formazione dell’assistente sociale, alla vista di organismi associativi: è stata componente della Segreteria Nazionale dell’AssNAS (Associazione Nazionale  Assistenti sociali) dal 1979 al 1983 e co-fondatrice dell’Associazione Italiana Docenti di Servizio sociale (AIDOSS, ora SocISS Società Italiana di Servizio sociale) alla quale ha continuato ad apportare ininterrottamente sostegno e stimoli.

 

Grazie Maria Dal Pra Ponticelli, continuerai sempre a esserci maestra in quella strada della ricerca e della didattica che tu hai aperto e percorso, per una disciplina capace di orientare una professione al servizio della giustizia sociale.

 

Torino, 4 agosto 2018

Marilena Dellavalle

 
IL COMITATO SCIENTIFICO

Elena Allegri - Università del Piemonte Orientale

Teresa Bertotti - Università di Trento

Andrea Bilotti - Università di Siena

Annamaria Campanini - Università di Milano Bicocca

Marilena Dellavalle - Università di Torino

Roberta Di Rosa - Università di Palermo

Silvia Fargion - Università di Trento

Luigi Gui - Università di Trieste

Paolo Guidi - Università di Genova

Elisabetta Neve - Università di Verona

Carla Moretti - Università Politecnica delle Marche

Urban Nothdurfter - Università di Bolzano

Anna Maria Rizzo - Università del Salento

Alessandro Sicora - Università di Trento (Coordinamento)

Cristina Tilli - Università di RomaTre

IL COMITATO ORGANIZZATIVO

Andrea Bilotti - Università di Siena

Luca Fazzi - Università di Trento

Silvia Fargion - Università di Trento

Cristiano Gori - Università di Trento

Paolo Guidi - Università di Genova

​Gaspare Musso - Università di Torino

Elisabetta Neve - Università di Verona

Angela Rosignoli - CROAS Trentino Alto Adige

Alessandro Sicora - Università di Trento (Coordinamento)

 
 
IL PROGRAMMA

​​giovedì 30 maggio 2019

17.00 - 19.00  Seminario per dottori di ricerca e ricercatori ad inizio carriera  - Silvia Fargion - Università di Trento

19:00 -            apeRICERCA - Aperitivo per giovani ricercatori di Servizio sociale

venerdì 31 maggio 2019 

mattina - sessione plenaria di apertura (Auditorium Dipartimento di Lettere e filosofia, Università di Trento)

 9.00 Registrazione degli iscritti

10.00 Saluti istituzionali dei rappresentanti delle organizzazioni partner

           (UniTN - Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale; CNOAS; CROAS Trentino Alto Adige)

           Saluto del Presidente IASSW e Past President AIDOSS  - Annamaria Campanini

10.30 Apertura dei lavori  - Alessandro Sicora Presidente della SocISS

10.40 Relazione “Il contributo di Maria Dal Pra Ponticelli alla ricerca di servizio sociale in Italia”

           Andrea Bilotti - Elisabetta Neve - Componenti CD SocISS

11.00 Relazione “Servizio sociale, ricerca e pratica professionale” - Elena Allegri, Università del Piemonte Orientale

11.30 Relazione “Ricerca, servizio sociale e riconoscimento istituzionale della disciplina” - Luca Fazzi, Università di Trento

12.00 Relazione “Ricerca e servizio sociale nel contesto internazionale” - Walter Lorenz, Charles University Praga - Libera università di Bolzano

12.30 Pranzo a buffet 

pomeriggio - sessioni parallele (aule Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale, Università di Trento)

14.00 I sessione 

15.30 coffee break

16.00 II sessione 

17.45 - 18.45 sessione presentazioni volumi (in definizione)

17.30 Assemblea soci SocISS

19.00 Cena a buffet

sabato 1 giugno 2019 (aule Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale, Università di Trento)

9.00 III sessione

10.30 coffee break 

11.00 IV sessione

12.30 - 13.30 sessione plenaria di chiusura

IL BOOK OF ABSTRACT
INFORMAZIONI LOGISTICHE

In vista della CIRSS verranno inserite in questa sezione informazioni dettagliate, per ora si segnalano le seguenti aziende di promozione turistica della zona:

Segnaliamo che la CIRSS2019 si svolgerà negli stessi giorni del Festival dell’Economia che usualmente attira a Trento numerosi partecipanti.

Si consiglia pertanto di organizzarsi tempestivamente per prenotare un alloggio nella città ospitante o nelle sue vicinanze.

La SocISS, grazie alla partnership con il Dipartimento di Sociologia e Ricerca sociale dell’Università di Trento è in grado di suggerirvi alcune proposte per soggiornare a Trento a prezzi convenzionati durante i giorni della CIRSS2019.

Fermo restando che consigliamo sempre di procedere a una verifica preliminare delle disponibilità e dei prezzi sui principali motori di ricerca specifici, segnaliamo le possibilità nel seguente file:

Alberghi convenzionati

 
COME ISCRIVERSI

A PARTIRE DAL

1 MARZO 2019

Per partecipare alla Conferenza è necessario iscriversi al seguente link:

cirss2019.eventbrite.it

I termini per le iscrizioni sono:

 

 

 

  • ​dal 4 al 28 febbraio 2019 l'iscrizione è riservata agli autori dei contributi che saranno stati valutati positivamente da parte dei referee (vedi call for abstract);

  • dal 1 marzo al 15 maggio 2019 le iscrizioni saranno aperte a tutti gli interessati sino ad esaurimento dei posti disponibili.

 

​Le quote di iscrizione sono così determinate:

  • autori abstract / uditori                                                 50 €

  • studenti                                                                            30 €

  • partecipanti con iscrizione pagata da enti:                85 €*

Le quote d'iscrizione coprono i costi di gestione della Conferenza, comprensivi del materiale che verrà fornito, dei 2 coffee break e del pranzo e cena a buffet previsti per di venerdì 31 maggio.

 

* Coloro i quali vorranno iscriversi facendo sostenere la spesa al proprio ente di appartenenza (quota 85 €) , sono pregati di comunicarlo preventivamente all'indirizzo info@sociss.it in modo tale da ricevere indicazioni su come procedere al pagamento mediante fatturazione elettronica.

 

In caso di rinuncia successiva all'iscrizione le quote potranno essere rimborsate fino a 30 giorni prima dell'evento (30 aprile): verrà rimborsato l'intero importo al netto delle spese bancarie. Successivamente al 30 aprile - per ragioni organizzative - in alcun caso sarà possibile procedere al rimborso.

 

 

 

 

 
CALL FOR ABSTRACT

DEADLINE 31.12.18

PROROGA AL 06.01.19

Vi invitiamo a partecipare attivamente alla Conferenza!

Potrete fornire il vostro contributo, inviando i vostri abstract in relazione alle aree tematiche delle sessioni parallele della Conferenza.

AREE TEMATICHE

  1. Servizio sociale, famiglie e tutela dell’infanzia

  2. Servizio sociale e anziani

  3. Servizio sociale in contesti sanitari

  4. Servizio sociale e immigrazioni

  5. Servizio sociale e vulnerabilità, povertà ed esclusione sociale

  6. Servizio sociale e disabilità

  7. Servizio sociale e politiche sociali

  8. Servizio sociale e organizzazioni

  9. Servizio sociale e terzo settore

  10. Servizio sociale e giustizia

  11. Etica e deontologia

  12. Storia del servizio sociale

  13. Formazione al servizio sociale

  14. Approcci metodologici al servizio sociale

  15. Altri campi di intervento di servizio sociale

  16. Proposta proiezione video 

REGOLE

L'’abstract:

  • non dovrà superare le 2500 battute spazi inclusi;

  • dovrà contenere nel testo degli elementi essenziali quali: descrizione dell’area di indagine, metodi di ricerca utilizzati, risultati, implicazioni per la pratica del servizio sociale e conclusioni;

  • dovrà essere inviato esclusivamente attraverso la procedua online indicata in questa pagina;

  • il form online chiederà di indicare un titolo, l’indicazione degli autori (con precisazione del/dei soggetto/i che intende/intendono effettuare la presentazione a Trento), 5 parole chiave e l’area tematica prescelta;

  • l’accettazione sarà subordinata alla valutazione positiva di qualificati referee in doppio cieco.

  • gli abstract verranno anonimizzati prima dell’inoltro per il referaggio e si chiede la cortesia di non inserire elementi che possano identificare gli autori all'interno del testo;

  • L’esito di tale valutazione verrà comunicato tramite email all'indirizzo indicato in fase di invio dell'abstrat entro il 31 gennaio 2019 e l’iscrizione alla Conferenza dei proponenti andrà formalizzata entro il 28 febbraio 2019;

  • Nel corso delle sessioni parallele la presentazione di ciascun abstract dovrà essere contenuta in 15 minuti;

  • Gli abstract accettati verranno raccolti in un unico file pdf che sarà reso disponibile nel corso della Conferenza.

  • Saranno prese in considerazione anche tesi di ricerca dei CdL magistrali LM87

  • E' possibile presentare la proposta di proiezione di video (sarà predisposta una specifica sessione). Le proposte video verranno valutate dal Comitato scientifico.

 LA SEDE 

Grazie alla partnership con il Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale dell'Università degli Studi di Trento, l'evento si terrà nel centro storico cittadino nelle seguenti sedi:

 

​- Le plenarie si svolgeranno presso l'Auditorium del Dipartimento di Lettere e Filosofia in Via Tommaso Gar, 14

- Le sessioni parallele presso ​l​a sede del Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale in Via Verdi, 26

"Il Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale raccoglie e sviluppa l’eredità della prima realtà universitaria italiana dedicata alla riflessione sociologica. Regolarmente collocato ai vertici delle graduatorie italiane, il Dipartimento è inserito in molteplici reti di ricerca a livello europeo ed internazionale. Esso costituisce un luogo di incontro e confronto tra studiosi di diversi orientamenti ed interessi, uniti dalla pratica della ricerca empirica teoricamente orientata. Al Dipartimento afferiscono, oltre a sociologi, studiosi di altre discipline il cui contributo consente di perseguire l’approfondimento delle tematiche di confine tra le discipline sociali."

 

​fonte www.sociologia.unitn.it

1/11
 

L'ESWRA (Società Europea sulla Ricerca di Servizio Sociale) accoglie con favore questa iniziativa e formula i migliori auguri.

I partecipanti sono caldamente invitati a partecipare alla più ampia comunità europea di ricerca sul servizio sociale attraverso l'ESWRA.

Per ulteriori informazioni: www.eswra.org

I PARTNER
 
Logo CROAS Trento
Logo CNOAS.jpg
DSRS_centrale_ita_nero.jpg
CHI SIAMO

Le origini della SocISS risalgono al 1983, anno in cui, su iniziativa di un gruppo di docenti di servizio sociale, venne fondata l'Associazione Italiana Docenti di Servizio Sociale (AIDOSS).

L’AIDOSS nei suoi oltre trent’anni di attività ha lavorato in modo assiduo per sviluppare un pensiero comune sui contenuti teorici del servizio sociale, sulla struttura dei curricula, sul ruolo del tirocinio, sulle metodologie didattiche, sulla ricerca.

​L’Assemblea dei soci AIDOSS – riunitasi a Roma 11 giugno 2016 – ha approvato all’unanimità il nuovo Statuto avendo deliberato importanti cambiamenti al fine di meglio proseguire l'opera iniziata nel 1983.

E’ stato ridefinito in primis lo scopo ultimo dell’associazione individuato nella promozione dello “sviluppo scientifico e disciplinare del Servizio sociale in stretta connessione con la pratica professionale, in un’ottica interdisciplinare e di ricerca, nonché in una prospettiva internazionale” (art. 2 dello Statuto).

Le principali conseguenze di tale decisione sono:

  • il cambio di denominazione in Società Italiana di Servizio sociale” (Soc.I.S.S.);

  • il riassetto delle tipologie dei soci al fine di consentire una più ampia partecipazione alla vita dell’associazione e un più efficace perseguimento del suo scopo ultimo, anche grazie ad un ulteriore allargamento delle competenze coinvolte.

Le nuove finalità della SocISS sono enucleate dall’art. 2 dello Statuto:

La Soc.I.S.S. in linea con la più recente Definizione internazionale approvata dall’International Federation of Social Workers e dall’International Federation of School of Social Work, promuove lo sviluppo scientifico e disciplinare del Servizio sociale in stretta connessione con la pratica professionale, in un’ottica interdisciplinare e di ricerca, nonché in una prospettiva internazionale.

A tale scopo:

  1. realizza, stimola, coordina, sostiene, diffonde le ricerche e gli studi di Servizio sociale, in tutti i suoi aspetti, vicende, problemi, protagonisti attraverso i canali scientifici di disseminazione e la trasmissione didattica;

  2. provvede alla pubblicazione e alla divulgazione di scritti originali o tradotti dello specifico ambito disciplinare;

  3. organizza periodicamente convegni e seminari di carattere nazionale e internazionale e provvede a promuovere la partecipazione a quelli organizzati da altri soggetti, al fine di favorire lo scambio e il progresso sia in campo scientifico sia in ambito didattico;

  4. istituisce e promuove rapporti con società e associazioni nazionali e internazionali che si propongono fini analoghi o che operano nello stesso campo;

  5. rappresenta il sapere disciplinare in tutte le sedi nelle quali si discute di ricerca scientifica e didattica del Servizio sociale.

 

L’11 luglio 2016 è stato registrato il nuovo Statuto della SocISS, mentre il 1 ottobre 2016 è stato creato il nuovo logo dell’Associazione che richiama e reinterpreta il design di quello storico dell’AIDOSS.

1983

2009

2016

Nel 2017 la SocISS ha organizzato la I° Conferenza sulla Ricerca di Servizio Sociale (CIRSS2017) svoltasi a Torino il 24 e 25 maggio 2017.  La Conferenza ha visto la partecipazione di 400 persone e la presentazione di 158 abstract e 20 poster.

CIRSS 2017 - Banner piccolo.png
 
 
CIRSS19TN-1-6.jpg